il mercoledì al CIG: SILVER RAINBOW

Full Review

C.I.G. Centro di Iniziativa Gay
Arcigay di Milano
Sezione Cultura

Per la serie:

Gli incontri del mercoledì

Mercoledì 13 marzo 2019

Ore 21,00

il FOCUS GROUP :

SILVER RAINBOW

In collaborazione con Arcigay Nazionale, si parteciperà ad un focus group che cercherà di affrontare alcuni aspetti della vita delle persone LGBT* che hanno superato i 50 anni. Questo progetto sarà poi finalizzato alla costruzione di ipotesi lavorative su come rendere migliore alcuni aspetti della vita delle persone LGBT della terza e quarta età.

Il processo di invecchiamento è di per sé una condizione che porta gli individui ad un periodo della vita nel quale si è maggiormente a rischio di invisibilità, solitudine involontaria, esclusione sociale o discriminazione. La terza e quarta età LGBTI è questione ancora più complessa e relativamente nuova che va affrontata su più livelli, obiettivo che si pone il presente progetto. Oggi le persone LGBTI senior sono tendenzialmente invisibili. E’ una invisibilità doppia, come persone LGBTI e come persone anziane: come persone LGBTI sono spesso invisibili alla società e anche ai volontari delle associazioni che fanno attività con persone anziane, ma sono invisibili in quanto anziani e talvolta anche in quanto persone LGBTI alla stessa comunità LGBTI abituata ad una comunicazione “giovanilista” e ad un linguaggio che è già quello di una generazione più o meno apertamente LGBTI. La solitudine involontaria per l’anziano LGBTI è dunque un rischio concreto e doppio. Da una parte lo stigma sull’invecchiamento ha un peso rilevante nella comunità e nella cultura LGBTI, ed è un tema con cui già i grandi adulti over 50 che si avviano alla terza età devono fare i conti. Dall’altra la propria specificità LGBTI presenta elementi molteplici di rischio, o quantomeno di sfida, che cambiano fisionomia in base alla maggiore o minore visibilità; come persone LGBTI, e a cui si aggiunge la fragilità potenziale di un supporto sociale che in Italia si basa spesso sui legami famigliari di sangue, destinati a scemare per la persona anziana LGBTI senza discendenti. La persona anziana LGBTI, spesso, ha a riferimento solo i luoghi della comunità gay, e non sappiamo come ciò che dunque potrebbe essere “invecchiare bene” per persone anziane in generale, potrebbe non essere valido, o esserlo solo in parte, per persone LGBTI. Mancano “modelli di riferimento” sull’invecchiare bene per le persone LGBTI, per quanto esistano esperienze che affrontano per esempio il tema dell’abitare della terza e quarta età LGBTI guardando al co-housing intergenerazionale o a modelli similari. E del resto l’anziano LGBTI già oggi mostra di avere risorse e capacità di resilienza, che però conosciamo poco e che andrebbero approfondite in un’ottica di empowerment. L’idea del progetto è di affrontare questa invisibilità e contrastare le solitudini involontarie a più livelli: conoscere meglio i bisogni dell’anziano LGBTI; promuoverne la visibilità, il benessere e l’integrazione nella comunità LGBTI favorendo il dialogo intergenerazionale e percorsi abitativi adatti; promuoverne la visibilità, il benessere e l’integrazione in contesti non tipicamente LGBTI grazie ad una maggiore “contaminazione culturale” fatta grazie a laboratori, formazione e campagna di comunicazione in quei contesti.

Partecipa anche tu. Porta anche tu la tua esperienza e le tue aspettative di vita in modo che siano da spunto per iniziative utili alla intera comunità LGBT* quando affronterà la terza e la quarta età.

Ti aspettiamo!

Chat Amica OffLine o occupata con un utente

Al momento la ChatAmica non è operativa, puoi usufruire del servizio martedì e giovedì dalle 20 alle 23.

Benvenuto nel servizio di ChatAmica, siamo qui per te! (AVVISO: sconsigliamo l'utilizzo di explorer come browser a causa di problemi di compatibilità con la chat)

Clicca INVIO per chattare