I colori non sono una vergogna: un sit-in contro la persecuzione (con armi anche italiane) e le campagne mediatiche contro le persone LGBTQIA in Egitto

Full Review

Milano, 17 Ottobre. A seguito dell’appello degli attivisti per i diritti umani egiziani, fatto proprio da  organizzazioni per i diritti umani di entrambe le sponde del Mediterraneo, le associazioni del Coordinamento Arcobaleno di Milano con Il Grande Colibrì invitano i media a dare notizia e a seguire il sit-in organizzato per mercoledì 18 ottobre alle 18.30 in piazza San Babila a Milano per protestare contro la persecuzione delle minoranze sessuali in Egitto e contro la vendita di armi e munizioni a un governo che le utilizza per la repressione interna.

La persecuzione delle autorità egiziane contro le minoranze sessuali è sempre più feroce e assurda, come ha confermato la recente ondata di arresti avvenuti dopo il semplice sventolamento di una bandiera arcobaleno durante un concerto dei Mashrou’ Leila.

Saremo in piazza per

  • Chiedere allo stato egiziano di rispettare i diritti di tutte le sue cittadine e di tutti i suoi cittadini, di proteggere la loro sicurezza e di garantire la loro libertà di parola e di espressione, come peraltro stabilito dalla costituzione egiziana e dalle convenzioni internazionali. Denunciamo l’uso della repressione transfobica e omofobica come strumento per distrarre l’opinione pubblica dai fallimenti e dagli abusi delle autorità;
  • Chiedere ai media egiziani di cessare le campagne di odio nei confronti delle minoranze sessuali, descritte su giornali e TV come “pervertite” o “sataniche”. Denunciamo l’abbandono dei minimi standard professionali, che ha trasformato i mezzi di informazione in megafoni dell’ignoranza e della paura, con articoli e servizi di infimo livello che intenzionalmente diffondono il pregiudizio e calpestano i diritti umani;
  • Chiedere allo stato italiano di porre fine alla vendita di armi e munizioni all’Egitto e agli altri regimi che perseguitano una parte della propria popolazione. Denunciamo il fatto che, nonostante la stessa Unione Europea abbia rilevato più volte il pericolo che tali armi e munizioni siano usati “a fini di repressione interna”, la loro vendita è stata in crescita persino quando l’ambasciatore italiano al Cairo era stato richiamato a Roma. Chiediamo inoltre che a regimi criminali che abusano dei diritti dei loro cittadini non si offrano fondi come quelli che l’ENI porta in Egitto per lo sfruttamento di giacimenti di petrolio e gas naturali, che rappresentano la principale fonte di sostentamento della repressione portata avanti da questi governi.
ChatAmica

Hai bisogno? Siamo qui per questo. Inviaci un messaggio e ti risponderemo subito.

Benvenuto nel servizio di ChatAmica, siamo qui per te! (AVVISO: sconsigliamo l'utilizzo di explorer come browser a causa di problemi di compatibilità con la chat)

Clicca INVIO per chattare